Home Antico Testamento Es 1,15-22: Il coraggio di due donne (prima parte)

Es 1,15-22: Il coraggio di due donne (prima parte)

genocidio15 Poi il re d’Egitto disse alle levatrici degli Ebrei, delle quali una si chiamava Sifra e l’altra Pua: 16 «Quando assistete al parto delle donne ebree, osservate quando il neonato è ancora tra le due sponde del sedile per il parto: se è un maschio, lo farete morire; se è una femmina, potrà vivere». 17 Ma le levatrici temettero Dio: non fecero come aveva loro ordinato il re d’Egitto e lasciarono vivere i bambini. 18 Il re d’Egitto chiamò le levatrici e disse loro: «Perché avete fatto questo e avete lasciato vivere i bambini?». 19 Le levatrici risposero al faraone: «Le donne ebree non sono come le egiziane: sono piene di vitalità: prima che arrivi presso di loro la levatrice, hanno già partorito!». 20 Dio beneficò le levatrici. Il popolo aumentò e divenne molto forte. 21 E poiché le levatrici avevano temuto Dio, egli diede loro una numerosa famiglia. 22 Allora il faraone diede quest’ordine a tutto il suo popolo: «Ogni figlio maschio che nascerà agli Ebrei, lo getterete nel Nilo, ma lascerete vivere ogni figlia».

Un progetto di genocidio

Dopo il fallito tentativo di opprime il popolo con i lavori forzati, il Faraone, spinto dalla sua fobia progetta qualcosa di ancora più spaventoso, l’annientamento degli ebrei, il loro genocidio. L’eliminazione dei figli maschi, infatti, significa l’annientamento totale della stirpe, del «nome» e della memoria di un popolo (cf. 1Re 11,14-15; Sal 109,13); le femmine vengono risparmiate per ovvi motivi (cf. Gdt 10,14-23)! In conclusione l’ultima sezione del capitolo (1,15-22) fa emergere in maniera brutale e assurda il progetto omicidio dell’anti-sapienza del Faraone: eliminando gli oppressi, vorrebbe eliminare anche la propria angoscia. Potrà essere sconfitta questa seconda modalità che sembra non lasciare scampo?

Si tratta di una lotta contro la benedizione portatrice della vita. Il re è un angelo della morte in quanto ordina di togliere la vita alla sua alba. Egli vorrebbe limitare la creazione, abbassare il tasso di crescita e di fecondità.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Genesi 3

Un tragico risveglio: Gen 3,7

La prima conseguenza della trasgressione è la realizzazione della seconda promessa fatta dal serpente: «si apriranno i vostri occhi» (Gen 3,5). In effetti gli...

Che cosa rappresenta o chi è il serpente di Genesi 3?

Prima di procedere oltre con il commento è giunto il momento di chiedersi: chi è il serpente? chi è o che cos’è questo animale...

La solitudine della scelta: Gen 3,6

Continua dal precedente Il serpente smette di parlare ma la sua triplice promessa va a segno tanto che la donna conosce un mutamento interiore grazie...

Parola contro parola. La risposta del serpente in Gen 3,4-5

Continua dal precedente La figura di un Dio che dona da mangiare di tutti gli alberi del giardino si è capovolta in quella di un...

La risposta della donna: Gen 3,2-3

Continua dal precedente Con le sue parole il serpente ha fatto fa una operazione di ingigantimento e occultamento: ingrandisce la mancanza e oscura il dono....