Home Antico Testamento Salmo 2. Canto di incoronazione (seconda parte)

Salmo 2. Canto di incoronazione (seconda parte)

I principi gustano già la vittoria e si stanno preparando ad abbattere il fragile e giovane re (vv. 1-2). Le parole dette di nascosto sono svelate al mondo intero: «Spezziamo i loro legami, gettiamo via il loro giogo!» (v. 3).

Ecco la figura maestosa di Jhwh assiso in trono. Egli rompe il silenzio con un «riso» ironico, fonte di terrore ed espressione di superiorità nei confronti di ogni forma di ribellione (vv. 4-6). Il Signore stesso si è alleato col suo giovane re gettando in campo il peso della sua superiorità. AL centro vi sta la solenne dichiarazione divina: «Io ho insediato il mio re…». Dove il verbo usato nsk «consacrare» allude alla consacrazione regale. Il piccolo re di Sion è ricoperto dalla maestosa figura di Dio. Nella storia dell’interpretazione questa minuscola figura di re in balia dei grandi e difeso solo da Dio diverrà immagine del messia, re atteso.

[Continua…]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Genesi 3

Un tragico risveglio: Gen 3,7

La prima conseguenza della trasgressione è la realizzazione della seconda promessa fatta dal serpente: «si apriranno i vostri occhi» (Gen 3,5). In effetti gli...

Che cosa rappresenta o chi è il serpente di Genesi 3?

Prima di procedere oltre con il commento è giunto il momento di chiedersi: chi è il serpente? chi è o che cos’è questo animale...

La solitudine della scelta: Gen 3,6

Continua dal precedente Il serpente smette di parlare ma la sua triplice promessa va a segno tanto che la donna conosce un mutamento interiore grazie...

Parola contro parola. La risposta del serpente in Gen 3,4-5

Continua dal precedente La figura di un Dio che dona da mangiare di tutti gli alberi del giardino si è capovolta in quella di un...

La risposta della donna: Gen 3,2-3

Continua dal precedente Con le sue parole il serpente ha fatto fa una operazione di ingigantimento e occultamento: ingrandisce la mancanza e oscura il dono....