Home Bibbia Salmi Protesta di innocenza Salmo 7. Terza parte

Protesta di innocenza Salmo 7. Terza parte

Sorgi Jhwh!

La seconda parte si apre con un grido: «Sorgi!». È quello dell’inizio della battaglia. Il vero comandante è Jhwh. Egli si desta dal suo apparente sonno, dalla sua silenziosa indifferenza ed emette davanti a tutti i popoli il suo inappellabile verdetto (vv. 7-14).

Il Signore siede, come re, in trono ed è circondato dal suo consiglio, composto di tutti gli esseri della terra e del cielo. Svolge un duplice compito: positivo e negativo.

Difende il giusto e salva coloro che sono retti di cuore. Per questo giudice divino non esistono piccole causa ma le più piccole violazioni della giustizia lo coinvolgono intensamente. L’intervento negativo è rivolto contro gli ingiusti che vengono arginati nella loro malizia (v. 10). Questo è reso possibile perché Dio, a differenza del giudice umano, possiede una qualità propria: quella di scrutare la mente e il cuore. Letteralmente scrutare «cuore e reni». Il cuore è la sede della coscienza, dell’intelligenza, mentre i reni sono la sede dell’inconscio, dei sentimenti e delle passioni. Lo sguardo di divino penetra nell’intimità più recondite dell’uomo.

Una qualifica divina per tutte è citata dal salmo: «Dio è giudice giusto» (v. 12). È una delle costanti del volto biblico di Dio. Essa fonda la speranza di tutte le vittime del potere: il povero, la vedova, l’orfano e il forestiero. San Giovanni Crisostomo acutamente osserva.

«Dio non è magnificato a causa della morte dei nemici, ma a causa della giustizia restaurata e questa è la sua unica meta e la sua vera passione».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Genesi 3

La sentenza sull’uomo e l’arida disarmonia del creato: Gen 3,17-19

¹⁷ All’uomo disse: «Poiché hai ascoltato la voce di tua moglie e hai mangiato dell’albero di cui ti avevo comandato: “Non devi mangiarne”, maledetto...

La sentenza sulla donna e la prospettiva di una madre soffocante: Gen 3,16

Con la maledizione sul serpente si dichiara che la bramosia è nemica di Dio e dell’umanità (cfr. Gen 3,15). Le sentenze sulla donna e...

La sentenza sul serpente (Gen 3,14-15), un annuncio di speranza

Emersa la verità, Yhwh Elohim può rendere giustizia e lo fa partendo dal serpente, per passare poi alla donna e al terrestre. Ritorna l’ordine...

L’inchiesta. Gen 3,8-13

L’interpretazione tradizionale e moderna legge in questi versetti una sorta di «inchiesta» condotta da Yhwh Elohim. I personaggi compaiono in ordine inverso rispetto alla...

Un tragico risveglio: Gen 3,7

La prima conseguenza della trasgressione è la realizzazione della seconda promessa fatta dal serpente: «si apriranno i vostri occhi» (Gen 3,5). In effetti gli...