Testo

Il salmo 22 ha occupato un posto privilegiato nella rilettura della passione di Gesù nel Nuovo Testamento: le ultime sue parole riprendono le battute iniziali del Salmo, pronunciate in aramaico: «Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato? (Mc 15,34; Mt 27,46). Il Salmo nella sua composizione finale si presenta come una grande composizione a tre movimenti che non si esauriscono nel semplice grido di supplica. Gesù, citando l’inizio del salmo – secondo una prassi giudaica consolidata –, alludeva a tutta la composizione e, quindi, abbracciava anche le battute finali caratterizzate da una forte speranza.

Il primo movimento della lirica è quello di una potente e lacerante lamentazione (vv. 2-22): essa, in pratica, dà la tonalità a tutta la composizione. I vv. 23-27 sono un ringraziamento in cui si loda il Dio che si schiera dalla parte delle vittime. Sono versetti carichi di speranza. Infine, il terzo movimento (vv. 28-32) raccoglie un inno indirizzato al Signore re universale. Il Salmo è quindi un canto di grande desolazione, ma anche di forte speranza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.