Home Bibbia Salmi

Salmi

Salmo 5. Porgi l’orecchio alle mie parole (terza parte)

I malvagi, gli ultimi personaggi, vengono descritti ricorrendo a quattro simboli somatici, tre dei quali hanno a che vedere con la parola: bocca, viscere, gola, lingua. La loro bocca è carica di falsità, il loro cuore («viscere») continua a macchinare perfidie, la loro gola è come un sepolcro aperto, pronta...

Salmo 4. Preghiera della sera (prima parte)

Testo Un'atmosfera di fiducia in Dio traspare in questo salmo notturno. Il salmista si sente in pace coricato e per questo repentinamente prende sonno (v. 9). Egli è testimone privilegiato delle attenzioni di Dio e il suo messaggio di fiducia supera intatto anche l'oscurità della notte. Il Salmo, infatti, ha...

Salmo 4. Preghiera della sera (seconda parte)

Il cuore del salmo (vv. 3-7) è un vigoroso appello a scegliere il progetto di Dio e il suo amore, oltrepassando ogni tentazione di sfiducia e di sbandamento. L'appello è ritmato nei vv. 4-6 da sette imperativi ed è preparato al v. 3 da un interrogativo che è lanciato ai...

Salmo 3. Preghiera del mattino (quarta parte)

La conclusione (vv. 8-9) è un inno che si apre con l'invocazione: «Sorgi!». È una allusione alla sveglia di Dio dopo il «sonno» del suo silenzio. Il Dio apparentemente sordo e addormentato ora interviene sfoderando tutta la sua energia di giudizio e di salvezza. Il grido «Sorgi!» è anche...

Salmo 4. Preghiera della sera (terza parte)

La conclusione nella parole del salmista diventa autobiografico: una vita serena e felice, deposta nella mani di Dio. La notte scende ma il cuore è colmo di gioia e di speranza e attende il sorgere della nuova alba senza tremore. La pace che prova il salmista è descritta dal...

Salmo 3. Preghiera del mattino (prima parte)

Testo È una breve composizione che fungeva probabilmente da preghiera mattutina nelle liturgie orientali. Due sono i sentimenti che si interscambi ano: la fiducia e il lamento. L'andamento poetico è quello tipico delle suppliche, ruotante attorno a tre attori: essi, i nemici di norma «numerosi»; tu, Dio salvatore; io,...