Home Donne

Donne

Giuditta un’eroina a servizio della Salvezza

Giuditta è la terza donna a cui viene dedicato un libro dell'Antico Testamento. Del libro noi possediamo solo la versione greca, mentre il manoscritto ebraico probabilmente è andato perduto. La data di composizione poi è da collocarsi attorno al 100 a.C. Un un uomo fatto dio Nel libro si racconta come...

Sara la matriarca – 1

Nel libro della Genesi Sara (Sārâ), che significa «principessa», è la prima donna che si incontra dopo Eva “la madre dei viventi”. I capitoli 1 – 11 fanno accenno ad altre donne, ma sono semplicemente dei nomi e non hanno particolare rilievo, eccezione fatta per Eva. Con al chiamata di...

Sara la matriarca – 2

Abramo e Sara in Egitto La prima scena che incontriamo, dopo la vocazione di Abramo, è la discesa della famiglia patriarcale in Egitto a causa dell’imperversare di una carestia nella terra promessa. Abramo e Sara vi sono appena giunti e sono costretti ad andarsene. In Egitto Abramo, sotto l’effetto allucinogeno della...

Sara la matriarca – 3

Il riso di Sara e il riso di Dio Quando Dio stipulò la sua alleanza con Abramo (Gen 17) e gli ripetè la promessa di diventare “padre di una moltitudine di popoli” (Gen 17,4), confermò tutto con il cambio del nome sia del patriarca (da Abram ad Abraham) che della...

Immagini della Misericordia da Isaia 54: 4 – Il Make Up della misericordia

Il profeta al versetto 11 passa a mescolare elementi che fanno riferimento alla città di Gerusalemme ed altri all’immagine della sposa: Afflitta, battuta, sconsolata! Ecco io incastono le tue pietre sulla malachite e ti fonderò sugli zaffiri». Le prime parole evocano la donna abbandonata: «Afflitta, battuta, sconsolata», poi si passa alla...

Immagini della Misericordia da Isaia 54: 3 – La donna abbandonata e ripresa dal marito

Le immagini si fanno incalzanti grazie a un interrogativo: Viene forse ripudiata la donna sposata in gioventù? – dice il tuo Dio (v. 6). Rispota: non è possibile! Per un breve istante ti ho abbandonata, ma ti raccoglierò con immenso amore/misericordia (v. 7). Il testo gioca sul contrasto fra il «breve istante» e...