Home Commento al libro della Genesi

Commento al libro della Genesi

Novità

Dopo l’episodio dell’accoglienza dei tre misteriosi ospiti da parte di Abramo e l’annuncio della nascita di un figlio da Sara che si chiamerà Isacco, la XVII domenica del tempo ordinario dell'anno C ci presenta la seconda parte del capitolo diciotto della Genesi. Qui il patriarca viene messo...

Introduzione

Nuovo commento al libro della Genesi. Perché?

Nel blog più volte ho pubblicato dei post dedicati al Libro della Genesi, ora provo a dare un po’ di ordine proponendo un commento...

Introduzione al Libro della Genesi – 02

Che cosa racconta il Libro della Genesi Il Libro della Genesi assomiglia a un grande dittico con due parti simmetriche: Gen 1 – 11; Gen...

Introduzione al Libro della Genesi – 01

Genesi e le domande di tutti noi Aprendo e leggendo il Libro della Genesi è come entrare in una galleria affrescata sulle due pareti: a...

Capitolo primo

Gen 1,26-31: Facciamo l’uomo – 05

Pascolare la propria animalità La creazione dell’uomo è terminata, ma resta un dato che è interessante approfondire: è singolare che la primissima volta in cui...

Gen 1,26-31: Facciamo l’uomo – 04

Come realizzare la somiglianza? Il terrestre, maschio e femmina, è stato appena creato quando Dio, riprendendo la parola, li benedice (v. 28). Notiamo subito che...

Gen 1,26-31: Facciamo l’uomo – 03

Progetto e realizzazione Ripartiamo dall’interrogativo lasciato in sospeso: Perché il plurale «facciamo»? Chi “altro” è coinvolto oltre a Dio nel plurale “noi”? Se confrontiamo il progetto...

Gen 1,26-31: Facciamo l’uomo – 02

Nell’immagine come somiglianza Dio disse: «Facciamo l’uomo nell’immagine di noi, come somiglianza di noi: dòmini sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo, sul...

Gen 1,26-31: Facciamo l’uomo – 01

La seconda opera del sesto giorno è la creazione dell’uomo che segna l’apice del racconto. C’è subito da osservare come le opere create che...

Capitolo secondo

Gen 2,24-25: Amore cieco, amore criminale

... Continua dal precedente Dopo le parole un po’ sconsiderate del terrestre, il lettore resta stupito nel sentire parlare di padre e madre. Di chi?...

Gen 2,23: canto d’amore o ripresa di quello che è stato...

... Continua dal precedente Se quanto è stato "edificato" da Yhwh Elohim è un dono che si inscrive nella duplice mancanza, quale sarà la reazione...

Gen 2,21-25: la creazione della donna e il superamento della solitudine

Con la creazione della donna si supera la solitudine del terrestre e si dà avvio alla sua differenziazione. I versetti sono incorniciati dal vocabolo...

Gen 2,18-25: secondo settenario, sguardo d’insieme

Prima di procedere alla lettura puntuale del testo, credo utile dare una visione globale della scena attraverso la sua struttura. Come nel primo settenario...

Gen 2,16-17: il comando divino – prima parte

Il terrestre abilitato da Yhwh Elohim ad essere in una particolare comunione con lui grazie allo spirito di vita (cf. 2,7), dopo essere stato...

Capitolo terzo

L’albero della vita perso per sempre? Gen 3,22-24

Come all’inizio della grande narrazione di Gen 2–3 qui il solo protagonista è Yhwh Elohim; inoltre, sono ripresi alcuni elementi: «ad est», «giardino di...

Eva madre dei viventi: Gen 3,20-21

In perfetto parallelismo con Gen 2,18-25, l’uomo dà il nome alla propria donna e ritorna il tema della nudità e dei vestiti. ²⁰ L’uomo chiamò...

La sentenza sull’uomo e l’arida disarmonia del creato: Gen 3,17-19

¹⁷ All’uomo disse: «Poiché hai ascoltato la voce di tua moglie e hai mangiato dell’albero di cui ti avevo comandato: “Non devi mangiarne”, maledetto...

La sentenza sulla donna e la prospettiva di una madre soffocante:...

Con la maledizione sul serpente si dichiara che la bramosia è nemica di Dio e dell’umanità (cfr. Gen 3,15). Le sentenze sulla donna e...

La sentenza sul serpente (Gen 3,14-15), un annuncio di speranza

Emersa la verità, Yhwh Elohim può rendere giustizia e lo fa partendo dal serpente, per passare poi alla donna e al terrestre. Ritorna l’ordine...